• 334 21 05 474
  • info@escursioninsardegna.it

Category ArchiveEventi e Manifestazioni

Escursione del 13 Giugno 2021

Miniere nel Blu Da Masua a Cala Domestica

Si tratta di uno dei sentieri più belli e frequentati della Sardegna, un percorso costiero impegnativo dai panorami mozzafiato che offre oltre agli aspetti appunto panoramici la possibilità di ammirare una serie di monumenti naturali geologici come lo scoglio più alto del Mediterraneo (Pan di Zucchero) e il sito di Canal Grande. Passando tra i suoi ginepri e gli affioramenti rocciosi molto caratteristici ci porta a raggiungere la spiaggia di Cala Domestica. Un esperienza che ogni amante del trekking non può farsi mancare. L’escursione assume un carattere naturalistico, geologico, archeologico, minerario.

Prenota attraverso questo link

Escursione del 03/10/2020

NEBIDA MASUA CON DEGUSTAZIONE DI PRODOTI LOCALI

L’escursione verrà svolta secondo i termini di legge per la sicurezza da Covid-19 motivo per il quale si rende Obbligatoria la Prenotazione.

Iscriviti subito compilando la scheda di adesione sul sito:

Incontro:
Ore 9:00 Parcheggio della spiaggia di Masua
Info e Prenotazioni: 334 2105474

Quota di partecipazione: € 22,00 – Fino ai 13 anni: Gratuito
Per i Colleghi GAE e GT la partecipazione è Gratuita e in qualità di professionisti del settore non costituiranno incremento al numero dei partecipanti che non può eccedere il numero di 15 o 20 se presente un collaboratore chiudi fila.
La quota comprende l’accompagnamento in escursione e la degustazione dei prodotti Siendas.

L’escursione sarà condotta da Guida Ambientale Escursionistica AIGAE. Servizio reso ai sensi della L.4/2013.

Durata:Mezza Giornata
Pranzo: al Sacco

Distanza da Percorrere: Km 9 circa

Altidudine Minima: 3m

Altitudine Massima: 148m

Dislivello cumulativo in Salita: 380m

Dislivello cumulativo in Discesa: 380m

Impegno: Medio Impegno

DESCRIZIONE:Un Sentiero che si sviluppa lungo la costa di Nebida, frazione mineraria di Iglesias nel sud ovest della Sardegna. Caratterizzato dalla presenza lungo tutto il tratto di percorrenza di 5 faraglioni di cui uno, il più importante e noto “Pan di Zucchero” riconosciuto monumento naturale. Il percorso regala tra una caletta e l’altra un ventaglio di forti colorazioni contrastanti derivanti dalla macchia mediterranea cresciuta su uno sfondo geologico tra i più antichi risalente a 570 milioni di anni fa. I Numerosi i resti degli impianti estrattivi permettono di argomentare una storia di archeologia mineraria che da sempre ha alimentato la cultura locale. Tra i maggiori punti di interesse visibili lungo il percorso spiccano la Laveria Lamarmora e Porto Flavia.

EQUIPAGGIAMENTO TECNICO OPPORTUNO PER L’ESCURSIONE
Ciascun partecipante deve presentarsi all’escursione inderogabilmente munito di:

abbigliamento e attrezzatura tecnica idonea all’escursione (vestiario adeguato all’uscita e alle condizioni climatiche, scarpe da trekking a suola rigida, zaino, borraccia, giacca antipioggia, occhiali da
sole, repellente per insetti, crema solare, fazzoletti di carta, bastoncini da escursione, etc.)
pranzo al sacco e snack energetici
acqua secondo necessità, e condizioni climatiche.

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI)
N°. 3 mascherine chirurgiche con marchio CE (possibilmente non la usa e getta ma quelle riutilizzabili)
N°. 3 paia di guanti monouso (facoltativi) in lattice o in nitrile
N°. 1 dispencer di minimo 150 ml di gel disinfettante a norma CE non autoprodotto
N°.3 sacchetti per lo smaltimento dei DPI usati

CONSIGLI ALIMENTARI:
Evitare di appesantire lo stomaco assumendo dei cibi che determinerebbero una lenta digestione e ridurrebbero l’efficienza fisica. Da evitare l’assunzione di bevande alcoliche. Indispensabile una buona scorta d’acqua (2 litri ameno) e/o integratori energetico-salini;

per ulteriori informazioni sul percorso leggi la scheda tecnica dell’escursione.

Escursione del 21 Giugno 2020

Escursione sul Sentiero dei 5 Faraglioni

L’escursione verrà svolta secondo i termini di legge per la sicurezza da Covid-19 motivo per il quale si rende Obbligatoria la Prenotazione.

Iscriviti subito compilando la scheda di adesione sul sito:

http://www.escursioninsardegna.it/prenotazione-online/

Incontro:
Ore 9:15 Parcheggio della spiaggia di Masua
Info e Prenotazioni: 334 2105474

Quota di partecipazione: € 15,00 – Fino ai 13 anni: Gratuito
Per i Colleghi GAE e GT la partecipazione è Gratuita e in qualità di professionisti del settore non costituiranno incremento al numero dei partecipanti che non può eccedere il numero di 15 o 20 se presente un collaboratore chiudi fila.

L’escursione sarà condotta da Guida Ambientale Escursionistica AIGAE. Servizio reso ai sensi della L.4/2013.

Durata:Mezza Giornata

Distanza da Percorrere: Km 9 circa

Altidudine Minima: 3m

Altitudine Massima: 148m

Dislivello cumulativo in Salita: 380m

Dislivello cumulativo in Discesa: 380m

Impegno: Medio Impegno

DESCRIZIONE:Un Sentiero che si sviluppa lungo la costa di Nebida, frazione mineraria di Iglesias nel sud ovest della Sardegna. Caratterizzato dalla presenza lungo tutto il tratto di percorrenza di 5 faraglioni di cui uno, il più importante e noto “Pan di Zucchero” riconosciuto monumento naturale. Il percorso regala tra una caletta e l’altra un ventaglio di forti colorazioni contrastanti derivanti dalla macchia mediterranea cresciuta su uno sfondo geologico tra i più antichi risalente a 570 milioni di anni fa. I Numerosi i resti degli impianti estrattivi permettono di argomentare una storia di archeologia mineraria che da sempre ha alimentato la cultura locale. Tra i maggiori punti di interesse visibili lungo il percorso spiccano la Laveria Lamarmora e Porto Flavia.

EQUIPAGGIAMENTO TECNICO OPPORTUNO PER L’ESCURSIONE
Ciascun partecipante deve presentarsi all’escursione inderogabilmente munito di:

abbigliamento e attrezzatura tecnica idonea all’escursione (vestiario adeguato all’uscita e alle condizioni climatiche, scarpe da trekking a suola rigida, zaino, borraccia, giacca antipioggia, occhiali da
sole, repellente per insetti, crema solare, fazzoletti di carta, bastoncini da escursione, etc.)
pranzo al sacco e snack energetici
acqua secondo necessità, e condizioni climatiche.

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI)
N°. 3 mascherine chirurgiche con marchio CE (possibilmente non la usa e getta ma quelle riutilizzabili)
N°. 3 paia di guanti monouso (facoltativi) in lattice o in nitrile
N°. 1 dispencer di minimo 150 ml di gel disinfettante a norma CE non autoprodotto
N°.3 sacchetti per lo smaltimento dei DPI usati

CONSIGLI ALIMENTARI:
Evitare di appesantire lo stomaco assumendo dei cibi che determinerebbero una lenta digestione e ridurrebbero l’efficienza fisica. Da evitare l’assunzione di bevande alcoliche. Indispensabile una buona scorta d’acqua (2 litri ameno) e/o integratori energetico-salini;

per ulteriori informazioni sul percorso leggi la scheda tecnica dell’escursione. L’escursione verrà svolta secondo i termini di legge per la sicurezza da Covid-19 motivo per il quale si rende Obbligatoria la Prenotazione.

Fai click quì per iscriverti subito

Incontro:
Ore 9:15 Parcheggio del porto turistico di Portoscuso (lato Municipio):
Info e Prenotazioni: 334 2105474

Quota di partecipazione: € 15,00 – Fino ai 13 anni: Gratuito
Per i Colleghi GAE e GT la partecipazione è Gratuita e in qualità di professionisti del settore non costituiranno incremento al numero dei partecipanti che non può eccedere il numero di 15 o 20 se presente un collaboratore chiudi fila.

L’escursione sarà condotta da Guida Ambientale Escursionistica AIGAE. Servizio reso ai sensi della L.4/2013.

Durata:7/8h

Distanza da Percorrere: Km 11,37

Altidudine Minima: 6m

Altitudine Massima: 100m

Dislivello cumulativo in Salita: 294m

Dislivello cumulativo in Discesa: 309m

Impegno: Medio Impegno

DESCRIZIONE: Il percorso si sviluppa lungo la costa del Sud Ovest della Sardegna nel tratto da Portoscuso a Portopaglia. Un tratto costiero ricco di particolari in ambito naturalistico, storico e geologico dai panorami mozzafiato. Partendo dalla Tonnara di Portoscuso, passeggiando per un primo tratto su un suolo di origine vulcanica dal colore scuro e contrastante quello acceso della vegetazione che lo circonda, tra i resti delle strutture militari e l’ancora viva attività di pesca dei tonni, si arriva alla tonnara dell’antico borgo di Portopaglia. Attraversando lunghi tratti sabbiosi che un tempo costituivano grandi dune non mancheranno le spettacolari calette e la presenza di torri spagnole che testimoniano un’antica storia di dominazioni alimentate dalle risorse della pesca, dello scambio e del commercio marittimo. Gli accesi scenari naturalistici sono vari e lasciano spazio a riflessioni sulla colonizzazione delle specie aliene a ridosso della macchia mediterranea.  In ambito floreale si possono incontrare oltre alla classica macchia mediterranea alcune particolari specie come il fungo di malta e il fico degli ottentotti. La seconda parte si può svolgere in due varianti, una con arrivo al Nuraghe di Seruci passando all’interno dell’impianto minerario di Seruci oppure con arrivo diretto ma un pò più intenso sul tratto sabbioso lungo la costa fino alla tonnara di Porto Paglia.

EQUIPAGGIAMENTO TECNICO OPPORTUNO PER L’ESCURSIONE
Ciascun partecipante deve presentarsi all’escursione inderogabilmente munito di:

  • abbigliamento e attrezzatura tecnica idonea all’escursione (vestiario adeguato all’uscita e alle condizioni climatiche, scarpe da trekking a suola rigida, zaino, borraccia, giacca antipioggia, occhiali da
    sole, repellente per insetti, crema solare, fazzoletti di carta, bastoncini da escursione, etc.)
  • pranzo al sacco e snack energetici
  • acqua secondo necessità, e condizioni climatiche.

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI)
N°. 3 mascherine chirurgiche con marchio CE (possibilmente non la usa e getta ma quelle riutilizzabili)
N°. 3 paia di guanti monouso (facoltativi) in lattice o in nitrile
N°. 1 dispencer di minimo 150 ml di gel disinfettante a norma CE non autoprodotto
N°.3 sacchetti per lo smaltimento dei DPI usati

CONSIGLI ALIMENTARI:
Evitare di appesantire lo stomaco assumendo dei cibi che determinerebbero una lenta digestione e ridurrebbero l’efficienza fisica. Da evitare l’assunzione di bevande alcoliche. Indispensabile una buona scorta d’acqua (2 litri ameno) e/o integratori energetico-salini;

per ulteriori informazioni sul percorso leggi la scheda tecnica dell’escursione.

Escursione del 20 Giugno 2020

Per coloro che non possono vivere l’esperienza domenicale o preferiscono il sabato EscursioninSardegna.it suggerisce alcuni eventi.
Sabato 20 Giugno, un percorso interessante in compagnia di Maria Giovanna.
I posti sono limitati per via delle linee guida in materia di Covid-19 per cui non esitate.
Info al 334 21 05 474.
#escursioninsardegna#trekking#sudovestsardegna#

Trekking del 14 Giugno 2020

In attesa del prossimo Trekking in compagnia di EscursioninSardegna.it Vi suggeriamo alcuni eventi per il fine settimana.
Domenica 14 Giugno, un percorso ad anello molto interessante in compagnia di Michele.
I posti sono limitati per via delle linee guida in materia di Covid-19 per cui non esitate.

Per coloro che parteciperanno all’evento e volessero alloggiare nei pressi, ricordiamo che l’ Ostello del Viandante è un ottima soluzione. La struttura è operativa e al Vs servizio!
Info al 334 21 05 474.

Escursione del 7 Giugno 2020

Escursione sul Sentiero delle Tonnare

L’escursione verrà svolta secondo i termini di legge per la sicurezza da Covid-19 motivo per il quale si rende Obbligatoria la Prenotazione.

Fai click quì per iscriverti subito

Incontro:
Ore 9:15 Parcheggio del porto turistico di Portoscuso (lato Municipio):
Info e Prenotazioni: 334 2105474

Quota di partecipazione: € 15,00 – Fino ai 13 anni: Gratuito
Per i Colleghi GAE e GT la partecipazione è Gratuita e in qualità di professionisti del settore non costituiranno incremento al numero dei partecipanti che non può eccedere il numero di 15 o 20 se presente un collaboratore chiudi fila.

L’escursione sarà condotta da Guida Ambientale Escursionistica AIGAE. Servizio reso ai sensi della L.4/2013.

Durata:7/8h

Distanza da Percorrere: Km 11,37

Altidudine Minima: 6m

Altitudine Massima: 100m

Dislivello cumulativo in Salita: 294m

Dislivello cumulativo in Discesa: 309m

Impegno: Medio Impegno

DESCRIZIONE: Il percorso si sviluppa lungo la costa del Sud Ovest della Sardegna nel tratto da Portoscuso a Portopaglia. Un tratto costiero ricco di particolari in ambito naturalistico, storico e geologico dai panorami mozzafiato. Partendo dalla Tonnara di Portoscuso, passeggiando per un primo tratto su un suolo di origine vulcanica dal colore scuro e contrastante quello acceso della vegetazione che lo circonda, tra i resti delle strutture militari e l’ancora viva attività di pesca dei tonni, si arriva alla tonnara dell’antico borgo di Portopaglia. Attraversando lunghi tratti sabbiosi che un tempo costituivano grandi dune non mancheranno le spettacolari calette e la presenza di torri spagnole che testimoniano un’antica storia di dominazioni alimentate dalle risorse della pesca, dello scambio e del commercio marittimo. Gli accesi scenari naturalistici sono vari e lasciano spazio a riflessioni sulla colonizzazione delle specie aliene a ridosso della macchia mediterranea.  In ambito floreale si possono incontrare oltre alla classica macchia mediterranea alcune particolari specie come il fungo di malta e il fico degli ottentotti. La seconda parte si può svolgere in due varianti, una con arrivo al Nuraghe di Seruci passando all’interno dell’impianto minerario di Seruci oppure con arrivo diretto ma un pò più intenso sul tratto sabbioso lungo la costa fino alla tonnara di Porto Paglia.

EQUIPAGGIAMENTO TECNICO OPPORTUNO PER L’ESCURSIONE
Ciascun partecipante deve presentarsi all’escursione inderogabilmente munito di:

  • abbigliamento e attrezzatura tecnica idonea all’escursione (vestiario adeguato all’uscita e alle condizioni climatiche, scarpe da trekking a suola rigida, zaino, borraccia, giacca antipioggia, occhiali da
    sole, repellente per insetti, crema solare, fazzoletti di carta, bastoncini da escursione, etc.)
  • pranzo al sacco e snack energetici
  • acqua secondo necessità, e condizioni climatiche.

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI)
N°. 3 mascherine chirurgiche con marchio CE (possibilmente non la usa e getta ma quelle riutilizzabili)
N°. 3 paia di guanti monouso (facoltativi) in lattice o in nitrile
N°. 1 dispencer di minimo 150 ml di gel disinfettante a norma CE non autoprodotto
N°.3 sacchetti per lo smaltimento dei DPI usati

CONSIGLI ALIMENTARI:
Evitare di appesantire lo stomaco assumendo dei cibi che determinerebbero una lenta digestione e ridurrebbero l’efficienza fisica. Da evitare l’assunzione di bevande alcoliche. Indispensabile una buona scorta d’acqua (2 litri ameno) e/o integratori energetico-salini;

per ulteriori informazioni sul percorso leggi la scheda tecnica dell’escursione.



Escursione del 21 Maggio 2020

Escursione sul Sentiero dei 5 Faraglioni

L’escursione verrà svolta secondo i termini di legge per la sicurezza da Covid-19 motivo per il quale si rende Obbligatoria la Prenotazione.

Fai click quì per iscriverti subito

Incontro:
Ore 8:30 Parcheggio della spiaggia di Masua:
Info e Prenotazioni: 334 2105474

Quota di partecipazione: € 15,00 – Fino ai 13 anni: Gratuito
Per i Colleghi GAE e GT la partecipazione è Gratuita e in qualità di professionisti del settore non costituiranno incremento al numero dei partecipanti che non può eccedere il numero di 15 o 20 se presente un collaboratore chiudi fila.

L’escursione sarà condotta da Guida Ambientale Escursionistica AIGAE. Servizio reso ai sensi della L.4/2013.

Durata Escursione: 4 h circa;
Distanza da Percorrere: Km 11,300

Altidudine Minima: 3m

Altitudine Massima: 148m

Dislivello cumulativo in Salita: 380m

Dislivello cumulativo in Discesa: 380m

Impegno: Medio Impegno

DESCRIZIONE: Un Sentiero che si sviluppa lungo la costa di Nebida, frazione mineraria di Iglesias nel sud ovest della Sardegna. Caratterizzato dalla presenza lungo tutto il tratto di percorrenza di 5 faraglioni di cui uno, il più importante e noto  “Pan di Zucchero” riconosciuto monumento naturale. Il percorso regala tra una caletta e l’altra un ventaglio di forti colorazioni contrastanti derivanti dalla macchia mediterranea cresciuta su uno sfondo geologico tra i più antichi risalente a 570 milioni di anni fa. I Numerosi i resti degli impianti estrattivi permettono di argomentare una storia di archeologia mineraria che da sempre ha alimentato la cultura locale. Tra i maggiori punti di interesse visibili lungo il percorso spiccano la Laveria Lamarmora e Porto Flavia.

EQUIPAGGIAMENTO TECNICO OPPORTUNO PER L’ESCURSIONE
Ciascun partecipante deve presentarsi all’escursione inderogabilmente munito di:

  • abbigliamento e attrezzatura tecnica idonea all’escursione (vestiario adeguato all’uscita e alle condizioni climatiche, scarpe da trekking a suola rigida, zaino, borraccia, giacca antipioggia, occhiali da
    sole, repellente per insetti, crema solare, fazzoletti di carta, bastoncini da escursione, etc.)
  • pranzo al sacco e snack energetici
  • acqua secondo necessità, e condizioni climatiche.

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI)
N°. 3 mascherine chirurgiche con marchio CE (possibilmente non la usa e getta ma quelle riutilizzabili)
N°. 3 paia di guanti monouso (facoltativi) in lattice o in nitrile
N°. 1 dispencer di minimo 150 ml di gel disinfettante a norma CE non autoprodotto
N°.3 sacchetti per lo smaltimento dei DPI usati

CONSIGLI ALIMENTARI:
Evitare di appesantire lo stomaco assumendo dei cibi che determinerebbero una lenta digestione e ridurrebbero l’efficienza fisica. Da evitare l’assunzione di bevande alcoliche. Indispensabile una buona scorta d’acqua (2 litri ameno) e/o integratori energetico-salini;

per ulteriori informazioni sul percorso leggi la scheda tecnica dell’escursione.

Il Sentiero delle Tonnare

Dalla tonnara di Portoscuso a quella di Portopaglia

Da Portoscuso a Gonnesa – Foto di Alessio Piras

Il percorso si sviluppa lungo la costa del Sud Ovest della Sardegna nel tratto da Portoscuso a Portopaglia. Un tratto costiero ricco di particolari in ambito naturalistico, storico e geologico dai panorami mozzafiato.

Partendo dalla Tonnara di Portoscuso, passeggiando per un primo tratto su un suolo di origine vulcanica dal colore scuro e contrastante quello acceso della vegetazione che lo circonda, tra i resti delle strutture militari e l’ancora viva attività di pesca dei tonni, si arriva alla tonnara dell’antico borgo di Portopaglia. Attraversando lunghi tratti sabbiosi che un tempo costituivano grandi dune non mancheranno le spettacolari calette e la presenza di torri spagnole che testimoniano un’antica storia di dominazioni alimentate dalle risorse della pesca, dello scambio e del commercio marittimo.

Gli accesi scenari naturalistici sono vari e lasciano spazio a riflessioni sulla colonizzazione delle specie aliene a ridosso della macchia mediterranea.  In ambito floreale si possono incontrare oltre alla classica macchia mediterranea alcune particolari specie come il fungo di malta e il Carpobrotus comunemente chiamato Fico degli Ottentotti.

Carpobrotus (Fico degli Ottentotti) – Foto di Alessio Piras

…e le stelle, stiamo a guardare

20 settembre 2019…una serata con il naso all’insù.
Insieme a OrbitandO
Siete tutti invitati!🌌

CHIAMA ORA